Vasco: le date del tour del 2020


Categoria: Tour
Tags: vasco rossi, tour, cantautori, rock
Vasco: le date del tour del 2020

Quando si parla di Vasco Rossi bisogna sempre togliersi il cappello, del resto si tratta di una delle rockstar italiane se non l'unica autentica e iconica rockstar (con tutti i crismi propri del termine) ancora in attività. Anche nel 2020, alla veneranda età di 68 anni compiuti lo scorso 7 febbraio, il cantautore di Zocca continua implacabile la sua lunga striscia di tour annuali terminata l'ultima estate con i successi del VascoNonStopLive Festival 2019 (6 date nello stadio San Siro di Milano e 2 a Cagliari Fiera lo scorso giugno).
Stesso nome per il tour di quest'anno che si muoverà in sei tappe tra Firenze (apertura il 10 giugno in occasione del Firenze Rocks), Roma (19 giugno al Circo Massimo per il Rock in Roma), Milano (il 15 giugno all'I-Das) e Imola (data di chiusura il 26 giugno all'Heineken Jammin' Festival).
I maggiori successi di Vasco risalgono agli anni '80 quando esplose la blascomania nell'Italia che, proprio in quel periodo, viveva una delle sue migliori stagioni grazie al miracolo economico e all'esplosione di quegli yuppies che trasformarono il Paese in una potenza mondiale capace di rivaleggiare con i grandi del pianeta. I dischi d'esordio, …Ma cosa vuoi che sia una canzone… e Non siamo mica gli americani!, incisi rispettivamente nel 1978 e nel 1979, fanno ancora parte della fase sperimentale dell'artista seppur con picchi di maturità musicale con canzoni simbolo dell'epopea “blaschiana” come Albachiara e Jenny è pazza.


Tuttavia probabilmente il manifesto musicale di questo grande della musica italiana è quel Vita Spericolata scritto a quattro mani con il compositore Tullio Ferro (autentica eminenza grigia del frasario dell'artista) e uscita nel 1983 nell'album Bollicine, forse il miglior disco del rocker di Zocca. Un inno alla vita vissuta al massimo ed un tributo ad un grande del cinema come Steve McQueen, un mito maledetto della generazione di Vasco Rossi che attraverso alcune pellicole memorabili come Cincinnati Kid (in cui interpreta un asso del Poker) o Le 24 ore di Le Mans (in cui veste i panni di un pilota di auto da corsa), mise sul grande schermo la sua passione per i motori e una vita vissuta sul filo del rasoio. L'epopea dell'attore statunitense è stata raccontata nel bellissimo documentario del 2015 Una vita spericolata che nella versione originale inglese è intitolato Steve McQueen: The Man & Le Mans, non un caso vista la forte connessione della star di Hollywood con il rocker tricolore non solo per il tributo nella sua “canzone manifesto”. Questi e altri celebri pezzi del repertorio di Vasco faranno senz'altro parte della scaletta del prossimo tour. Lo scorso anno per accontentare anche i meno stagionati estimatori di Vasco la lista di brani presentati ha lasciato ampio spazio agli ultimi dischi del cantante: Vivere o Niente, (del 2011) e Sono innocente (uscito nel 2014, diciassettesimo e ultimo album della sua discografia) con masterpiece come Eh… Già e Come Vorrei.


Il mito di Vasco non accenna a diminuire nonostante la patina del tempo e del resto il cantante è un monumento della musica italiana e internazionale con oltre 30 anni di attività alle spalle e numerosi record maturati in carriera. Infatti forse non tutti sanno che il concerto del Modena Park, tenuto al parco Enzo Ferrari della città emiliana e risalente al primo giugno del 2017, detiene il record mondiale per il concerto con il più alto numero di spettatori paganti (225.173 presenti) mai tenuto nella storia degli eventi musicali live. Questo memorabile spettacolo fu capace di estromettere dal gradino più alto del podio il concerto dei Pink Floyd nella laguna di Venezia nel 1989 che, fino al 2017, manteneva il primato degli spettatori paganti a livello mondiale (all'epoca furono “poco più” di 200.000). Tra gli altri record dell'ugola di Zocca c'è anche quello dei dischi venduti, oltre 35 milioni, miglior risultato tra gli artisti italiani. Solo nel decennio dal 2010 al 2019 Vasco ha infatti collezionato ben 32 dischi di Platino e 2 d'oro sopravanzando cantanti del calibro di Jovanotti, Luciano Ligabue e Tiziano Ferro.

  
  
  
Visite: 311     
Soltanto gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Per lasciare il tuo commento, autenticati inserendo nickname e password.
Se non sei un utente registrato, iscriviti gratuitamente su In-Giro.net.
Non ci sono commenti degli utenti per questo articolo

Informativa
In questo sito vengono utilizzati cookie, anche di terze parti, per fornire una migliore esperienza di navigazione. Nessuna delle informazioni raccolte sul nostro sito identifica l'utente personalmente. Per avere maggiori informazioni clicca qui. Se continui nella navigazione di questo sito accedendo a un qualunque elemento oppure chiudendo questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.

offlineCHAT - offline
Per chattare con i tuoi amici devi autenticarti inserendo nickname e password.
Se non sei un utente registrato, iscriviti gratuitamente su In-Giro.net.
0