Collettivo


Quando: sabato 26 febbraio 2011
Dove: Piacenza
Genere: Folk, Acoustic
Location: Loft51
"Il gruppo si compone di voci, sia maschili che femminili, strumenti a corda (chitarre,violino) e ad ancia (organetti e fisarmoniche) abbinati a percussioni e strumenti della tradizione popolare della montagna Pistoiese.
A 30 anni dal suo esordio (che avvenne l’8 marzo 1973 in occasione della festa della donna) e a quasi 20 dall'ultimo concerto (1984), il «Collettivo» si e' ricomposto, con alcuni elementi che
facevano parte del nucleo “storico”
(Sergio, Anna...... e alcuni altri), e tanti ragazzi e ragazze di varia estrazione e professione accomunati dalla passione per il canto popolare.

Il «Collettivo folcloristico montano»
suona e canta le Ottave, i canti del lavoro, sociali e di protesta, ma anche d’amore e di rispetto per la civilta’……civiltà dei Maggi e antichi brani dedicati alla donna, nenie per bambini e nonsense (dal "contrasto padrone-contadino" a “Poveri soldati”, “Lo treno di Bastia“ e “Il carrettiere”, ai Maggi della Montagna Pistoiese….).
“Siamo tornati perché vogliamo pensare alla nostra cultura, per capire da dove veniamo, per voglia di solidarietà e di comune sentire,
per costruire insieme, per voglia di rispetto reciproco contro l'intolleranza»…..
La filosofia di Sergio Gargini e’ quella di aver puntato l’attenzione sulla ricerca e il recupero delle tradizioni musicali autentiche... (alla maniera di Caterina Bueno, ovvero la musa ispiratrice per i numerosi amanti del genere popolare).

«In un mondo in cui prevale la volgarità e si dimenticano le tradizioni -osserva Sergio -, le nostre radici ("nel tempo degli dei falsi e bugiardi", per dirla con Dante), abbiamo sentito il bisogno di tornare al lavoro anche perché, c'è voglia di recuperare una tradizione della montagna e restituirla alla gente».

Alle origini del gruppo “storico”, nel ’73, ci fu una iniziativa di carattere politico e culturale che riportava in primo piano le persone, i loro problemi,le loro storie drammatiche fatte di fatica e sfruttamento e che i lavoratori, le donne,potevano raccontare con l'unico strumento che avevano: la musica, la poesia, il racconto orale.
Sergio per mesi percorse la montagna con un registratore e scavo’ nei ricordi della gente perché non si spezzasse il filo della memoria.
«È tutto documentato - dice Sergio - in una trentina di cassette realizzate tra il 1973 e il '76, di assoluto valore filologico.
Molta di questa documentazione venne poi raccolta in un libro.
Materiale che non è mio, ma della montagna e che donerò al Comune quando ci sarà un preciso progetto».
Questo e’ il nostro mondo, e crediamo che la musica sia comunque un modo per avvicinare le persone, anche di lingua e culture diverse.
I nostri concerti si svolgono nei posti piu’ differenti...dalla strada al palco del teatro, passando per feste di paese e ballo sull’aia.
Chi non ci conosce può rimanere un po’ sbalordito dal fatto che a volte le esibizioni sembrino “occasionali””improvvisate” ma questa e’ una parte importante del nostro repertorio che ci permette di mantenere intatta quella “freschezza”tipica di tutto cio’ che viene dalla tradizione popolare.
Vi aspettiamo in giro a cantare con noi...
Buon divertimento"
  
  
  
Visite: 1446     
Soltanto gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Per lasciare il tuo commento, autenticati inserendo nickname e password.
Se non sei un utente registrato, iscriviti gratuitamente su In-Giro.net.
Non ci sono commenti degli utenti per questo concerto

Informativa
In questo sito vengono utilizzati cookie, anche di terze parti, per fornire una migliore esperienza di navigazione. Nessuna delle informazioni raccolte sul nostro sito identifica l'utente personalmente. Per avere maggiori informazioni clicca qui. Se continui nella navigazione di questo sito accedendo a un qualunque elemento oppure chiudendo questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.

offlineCHAT - offline
Per chattare con i tuoi amici devi autenticarti inserendo nickname e password.
Se non sei un utente registrato, iscriviti gratuitamente su In-Giro.net.
0