In-Giro incontra...Il Burlesque: Peggy Sue & Nuit Blanche


In-Giro incontra...Il Burlesque: Peggy Sue & Nuit Blanche

/mp3/swing.mp3

E' un frizzantissimo pomeriggio, nel salotto virtuale della ‘giungla equo&musicale' di In-Giro…. Abbiamo invitato due ‘fiori' d'eccezione…

Nuit Blanche & Peggy Sue 

  

Dalla nostra teiera fuoriesce un profumo di gelsomino e di rosa canina, con un pizzico di polvere di giglio…E dal nostro grammofono danza un gracchiante suono di vecchi vinili che trasuda swing d'altri tempi….

 

L'occasione è davvero speciale...Non capita tutti i giorni d'ospitare due performer di Burlesque...

Benvenuta Madame Nuit Blanche!

Grazie per l'invito e ciao a tutti! (stringendo la mano a Peggy) Felicissima!

Benvenuta Madame Peggy Sue

Bentrovàte!

 

....Amiamo pensare allo spettacolo Burlesque  come ad un ‘Circo' della femminilità, dove acrobazie, umorismo e sensualità si alternano come circensi ‘snodabili', clown colorati e paillettes scintillanti,  sotto quei tendoni a strisce, da cui si va via sempre portandosi dietro una strana adrenalina....

Nuit Blanche..

Permettimi di fare una passeggiata nella tua arena...

Raccontandoci del tuo costume di scena e dello spettacolo che esplode in te nell'istante in cui lo indossi…

I miei costumi sono tutte creazioni dell'artigiana veneta "Orologisilenziosi Couture". il nostro è stato un incontro molto fortunato!

Lei capisce al volo ciò che mi serve e anche quando non ho idea di come rendere un effetto, lei trova sempre degli escamotage efficacissimi, oltre a materiali di altissima qualità. l'effetto che si deve creare e' quello di uno stile lussuoso ma funzionale allo strip ed alle esigenze sceniche.

Quando vesto i panni dei miei personaggi si scatena la giocosità che avevo da bambina, quando mi divertivo a travestirmi, ad interpretare i ruoli dei miei cartoni animati preferiti o dei personaggi dei film che più mi entusiasmavano.

E' un gioco. quindi un grande piacere!

Gli adulti dovrebbero continuare a giocare tanto quanto i bambini in tutto: nelle sfide, nel sesso, nell'impresa di qualcosa di nuovo…

 

Peggy Sue..

Le tue ‘altalene' e le tue piume danzano fra loro come accade ai campi di grano attraversati dal caldo vento estivo…

Raccontaci di questa danza…

E' una danza che vede mescolarsi tra  loro gli elementi del sogno, la fantasia è libera di  immaginare e dare corpo a tutte le sue immagini,  è come scrivere una  breve ed  ironica poesia, che lascia sempre spazio ad un po' di mistero, perché mai tutto è completamente, svelato; è una danza arcaica, perché la femminilità, come accadeva un tempo, non si rivela mai completamente, anche se  possiamo dare ad intendere proprio il contrario!

 

Nuit Blanche..

Quale dono credi si aspettino,  gli occhi incuriositi di coloro che  assistono ad uno spettacolo di burlesque ?

In una sola parola e' molto difficile, ma credo che la più esaustiva sia:

"incanto".

E tu invece, Peggy Sue..

Cosa credi che non bisogna mai lasciare intendere agl'occhi di chi spia più che guarda, durante uno show?

...Volgarità...

 

Nuit Blanche vorrei che tu porgessi a Peggy questi pasticcini allo zenzero e che le facessi una domanda profumata….. 

Qual' è la tua carta vincente, secondo te, o qual' è la caratteristica che rende i tuoi ‘acts'  diversi da qualsiasi altra performer?

Non so se ho una carta vincente, ma in generale penso che sul palco come nella vita dobbiamo lasciare che la nostra personalità si esprima a 360°, anche permettendo alla nostra vulnerabilità di palesarsi, perché sono proprio le nostre debolezze che ci rendono più amabili, al contrario di quanto i media e le pubblicità vogliono farci credere, lanciando il mito della perfezione, che non esiste e per questo risulta irreale, finta.

E' un po' come la catarsi nel teatro greco, anche se il Burlesque è un genere di spettacolo frivolo, le persone ci si ritrovano, si sentono umanamente più vicine a chi è sul palco.

 

Peggy, offri a Nuit quei pasticcini accanto a te all'aroma di margherite alpine, e  falle una domanda fruttata….

Cosa ti ha spinto  ad iniziare questo percorso?

Ho sempre recitato, come dicevo poco fa, fin da bambina…All'asilo, con i burattini, o da ragazza nello spettacolo della scuola….poi sono arrivati il teatro, i provini alla Paolo Grassi e il Dams a Bologna.

Il burlesque e' arrivato con una donna stupenda… mi ha spinta l'entusiasmo di questa grande amica, che oggi e' la mia socia: "Artisia Starlight".

Ci siamo influenzate parecchio a vicenda, ma principalmente, e' stata lei a trasmettermi tutto il "know how". dopo mi sono appassionata e mi sono specializzata con insegnanti come Milena Bisacco, Mitzi Von Wolfgang, Angie Pontani…più andavo avanti e più mi innamoravo….

E' una gran storia d'amore, quella tra me e il palco…

Quella tra me e il burlesque e' una storia di amicizia…


La  sensualità e l'ironia del Burlesque, mi ricordano la ‘completezza'  di quelle signorine  anni '50 che si esibivano nei cabaret, ed i loro sorrisi maliziosi... lasciavano intendere tutto e niente, con una leggerezza ed una compostezza indiscutibili..

..Come se davvero fossero un unico tendone sotto cui il circo esplodeva nella sua forma d'arte più estrema…tra una corda per gli acrobati ed un intermezzo ‘clownesco'..

Quanta preziosa ironia è racchiusa nella vostra guêpière merlettata...?


Nuit Blanche..

Di fatto, negli anni '50, il burlesque stava iniziando a morire...

Anne Corio, Tempest Storm, Blaize Starr e Company ne hanno visto il veloce sfiorire, tra flop e fallimenti, mentre si tentava di inserire il burlesque tra i fotogrammi di una pellicola cinematografica.

Io cerco, banalmente, di fare ironia su me stessa, sul mio corpo e sullo stereotipo che incarno sulla scena.

Non c'è niente di meno sexy di una donna che si prende davvero sul serio...

Un personaggio del passato a cui mi ispiro molto, ad esempio, e' Monica Vitti. la sua ingenua comicità, il suo fare la parte della "sfigata" come nel "la ragazza con la pistola"... l'ho sempre trovato molto erotico!

 

Peggy Sue..

L' ironia è il motore di tutto quello che faccio , senza di lei  il Burlesque non sarebbe Burlesque, ma qualcos' altro e se in ogni istante non pensassi con ironia tutti i miei vestiti molto probabilmente rimarrebbero al loro posto!

L' ironia è l' ingrediente principale del burlesque, è da lì che si deve partire...

 

E' ormai sera nel nostro salotto, accendiamo una candela al miele, come a voler far luce al cammino verso casa delle nostre signore...

Ma prima di lasciarle andare, abbiamo ancora una piccola curiosità...

Vedremo mai Peggy Sue e Nuit Blanche  aprire insieme i tendoni a strisce di quel Circo di femminilità, per presentarci uno spettacolo unico che faccia assaporare al pubblico un infuso quasi prodigioso di due essenze fiorite così diverse tra loro, eppure così ‘miscelabili'….?

 

Nuit Blanche..

Finalmente avrei una scusa per provarci!

Peggy Sue..

...Bisognerebbe chiederlo a chi organizza le serate!

 

‘Un prato di grazie', deliziose Signore….è stato un pomeriggio spettacolare!


L'immagine di  Nuit Blanche è tratta da una foto di  Marco Ricciardo

L'immagine di  Peggy Sue è tratta da una foto di  Chiara Scategni

  
  
  
Visite: 13388     
Soltanto gli utenti registrati possono scrivere commenti.
Per lasciare il tuo commento, autenticati inserendo nickname e password.
Se non sei un utente registrato, iscriviti gratuitamente su In-Giro.net.
Non ci sono commenti degli utenti per questo articolo

Informativa
In questo sito vengono utilizzati cookie, anche di terze parti, per fornire una migliore esperienza di navigazione. Nessuna delle informazioni raccolte sul nostro sito identifica l'utente personalmente. Per avere maggiori informazioni clicca qui. Se continui nella navigazione di questo sito accedendo a un qualunque elemento oppure chiudendo questo avviso acconsenti all'uso dei cookie.

offlineCHAT - offline
Per chattare con i tuoi amici devi autenticarti inserendo nickname e password.
Se non sei un utente registrato, iscriviti gratuitamente su In-Giro.net.
0